Risotto con carciofi e zafferano della Val d'Orcia mantecato con Olio Evo - Fattoria La Maliosa
it | en | ja
it | en | ja
La nostra brochure ISSUU
NEWSLETTER
Pinterest

Risotto con carciofi e zafferano della Val d’Orcia mantecato con Olio Evo

Ricette - Senza categoria

Pasqua in famiglia all’insegna della buona cucina? Noi vi suggeriamo di provare questo gustosissimo risotto fatto con pochi ingredienti tutti di qualità.

338
È un primo piatto vegetariano e per la mantecatura abbiamo utilizzato il nostro Olio Evo monocultivar Leccio del Corno dal sapore delicato e armonioso.

Risotto con carciofi e zafferano della Val d’Orcia mantecato con Olio Evo
Ingredienti per 4 persone
320g di riso Carnaroli
5 carciofi romaneschi (mammole)
20ml di vino bianco secco
90g di pecorino Toscano di Pienza semistagionato
32 stimmi di zafferano della Val d’Orcia
1 lt di brodo vegetale
succo di 1 limone
1 scalogno
Olio Evo monocultivar Leccio del Corno
sale

Procedimento
Mettete in infusione lo zafferano in un bicchiere di brodo caldo per almeno 2 ore. Riempite una ciotola con acqua e unite il succo del limone. Pulite ora i carciofi. Tagliate i gambi, eliminate le foglie esterne più dure, tagliateli a metà, privateli della barba interna e metteteli nella ciotola con l’acqua e il succo del limone.

Untitled-1

Tagliate lo scalogno e fatelo soffriggere in una casseruola con 3 cucchiai di olio prestando attenzione a non farlo bruciare. Unite anche i carciofi tagliati a julienne, un mestolo di brodo caldo, aggiustate di sale e lasciateli stufare. Eliminate i carciofi dalla casseruola e nella stessa versatevi il riso. Tostatelo per pochi secondi su fiamma media mescolando spesso, sfumate con il vino, lasciate evaporate e poi bagnate con il brodo per portare a cottura. Trascorsi 10 minuti unite i carciofi e durante gli ultimi 5 minuti di cottura unite il brodo con lo zafferano. Allontanate dal fuoco, unite 2 cucchiai di olio e mantecate. Servite subito cospargendo con lamelle sottili di pecorino di Pienza.

346
Ricetta, styling e foto Sara Milletti

Pubblica un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi